Archivi categoria: Catechesi

Incontro di meditazione e formazione sulla Parola di Dio

Rosario d’Avvento

Meditazioni su alcuni Misteri del Rosario
in preparazione al Santo Natale.

Firenze, Comunità del Carmine
16 dicembre 2017

 

Primo Mistero – L’incarnazione

2017-12-16- Rosario Meditazione 1
durata 14 minuti

 

Secondo Mistero – Giuseppe

2017-12-16- Rosario Meditazione 2
17 minuti

 

Terzo Mistero  – La nascita di Gesù

2017-12-16- Rosario Meditazione 3
21 minuti

 

Quarto Mistero – I pastori

2017-12-16- Rosario Meditazione 4
10 minuti

 

Quinto Mistero  –  L’angelo

2017-12-16-  Rosario Meditazione 5
11 minuti

 

Dal Vangelo di Luca,  capitolo 2  vv.1-14

1 In quei giorni un decreto di Cesare Augusto ordinò che si facesse il censimento di tutta la terra. 2 Questo primo censimento fu fatto quando era governatore della Siria Quirinio. 3 Andavano tutti a farsi registrare, ciascuno nella sua città. 4 Anche Giuseppe, che era della casa e della famiglia di Davide, dalla città di Nazaret e dalla Galilea salì in Giudea alla città di Davide, chiamata Betlemme, 5 per farsi registrare insieme con Maria sua sposa, che era incinta. 6 Ora, mentre si trovavano in quel luogo, si compirono per lei i giorni del parto. 7 Diede alla luce il suo figlio primogenito, lo avvolse in fasce e lo depose in una mangiatoia, perché non c’era posto per loro nell’albergo.  8 C’erano in quella regione alcuni pastori che vegliavano di notte facendo la guardia al loro gregge. 9 Un angelo del Signore si presentò davanti a loro e la gloria del Signore li avvolse di luce. Essi furono presi da grande spavento, 10 ma l’angelo disse loro: «Non temete, ecco vi annunzio una grande gioia, che sarà di tutto il popolo: 11 oggi vi è nato nella città di Davide un salvatore, che è il Cristo Signore. 12 Questo per voi il segno: troverete un bambino avvolto in fasce, che giace in una mangiatoia». 13 E subito apparve con l’angelo una moltitudine dell’esercito celeste che lodava Dio e diceva: 14 «Gloria a Dio nel più alto dei cieli
e pace in terra agli uomini che egli ama».

 

 

 


Condividi con:
Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedintumblrmailby feather

Attratti dal Padre

“Così, quando ascolti: Nessuno viene a me se non è attratto dal Padre, non pensare di essere attratto per forza. Anche l’amore è una forza che attrae l’anima.”

(Sant’Agostino, commento al Vangelo di Giovanni, trattato 26)

 

Meditazione di padre Massimo Giustozzo.
Sabato 21 ottobre 2017, Convento Padri Agostiniani San Giacomo Maggiore, Bologna.
durata 45 minuti

clicca qui per scaricare il file
20171021 Attratti Dal Padre_pMG_Agostiniani Bologna

Vangelo secondo Giovanni cap.6, vv 44-46
Nessuno può venire a me, se non lo attira il Padre che mi ha mandato; e io lo risusciterò nell’ultimo giorno.45Sta scritto nei profeti: E tutti saranno istruiti da Dio. Chiunque ha ascoltato il Padre e ha imparato da lui, viene a me. 46Non perché qualcuno abbia visto il Padre; solo colui che viene da Dio ha visto il Padre.

 

 

 


Condividi con:
Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedintumblrmailby feather

Ritiro a Cascia

  1. Esercizi spirituali

con p.Massimo Giustozzo

Cascia, 17 – 21 agosto 2017

 

giovedì 17 agosto ore 21  –  Omelia
Santa Chiara della Croce

scarica file: Omelia di venerdì 17 agosto 

 

 

VENERDì 18 AGOSTO

venerdì 18 agosto ore 10  –  Catechesi sulla preghiera di Gesù
“PADRE NOSTRO”  

scarica file: Catechesi Padre Nostro   venerdì 18 agosto ore 10
durata 50 minuti

 

venerdì 18 agosto  ore 16  – alcune testimonianze dei partecipanti al ritiro, sull’esperienza personale di preghiera e di fede

scarica file: alcune testimonianze di venerdì 18 agosto
durata 1 ora e 20 minuti

 

venerdì 18 agosto ore 18.30    –   Omelia
Matteo 19 vv.3-12      …per la durezza del vostro cuore

scarica file:  Omelia venerdì 18 agosto

 

venerdì 18 agosto ore 22   –  Catechesi e Preghiera sotto la Croce
Luca 5, vv.18-25    Guarigione di un paralitico
Vedendo la fede di quelle persone…

scarica file:  Catechesi e preghiera sotto la Croce 18 agosto 2017 

 

 

SABATO 19 AGOSTO

 

sabato 19 agosto ore 11.30  –  Omelia
Matteo 19, vv. 13-15    …a chi è come loro appartiene il Regno dei cieli

scarica file:   Omelia sabato 19 agosto ore 11

 

19 agosto ore 16  –  Preghiera, testimonianza e Rosario

scarica file:  Preghiera, testimonianza e Rosario

 

19 agosto ore 18   –    Adorazione Eucaristica  (Basilica inferiore)

scarica file:   Adorazione Eucaristica  19 agosto 

 

 

DOMENICA 20 AGOSTO

domenica 20 agosto ore 8  –  Omelia
presso convento S.Agostino
(con le monache carmelitane di Tolentino)
Matteo 15, vv. 21-28    …grande è la tua fede!

scarica file:  Omelia 20 agosto

 

 

domenica 20 agosto  ore 11  –   Catechesi   “una fede che si rinnova”

scarica file: catechesi 20 agosto

 

 

domenica 20 agosto ore 17   –  Riflessioni e risonanze personali da parte di alcuni partecipanti alle giornate di esercizi spirituali

riflessioni  PARTE 1

riflessioni  PARTE 2

 

 

domenica 20 agosto  ore 21   –  Adorazione Eucaristica
insieme alle monache agostiniane
nella Basilica superiore del Santuario di Santa Rita da Cascia

scarica file:  Adorazione Eucaristica 20 agosto 2017

 

 

lunedì 21 agosto ore 11  –  Omelia  “Il giovane ricco”
Matteo 19, vv. 16-22    …una cosa sola ti manca

scarica file:  Omelia Il giovane ricco

 

 

 

 

Santa Rita prega per noi

 

 

 

 


Condividi con:
Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedintumblrmailby feather

Medjugorje 2017

Pellegrinaggio a Medjugorje

dal 30 giugno al 5 luglio, con padre Massimo Giustozzo


CATECHESI di sabato 1 luglio

 

OMELIA di sabato 1 luglio

 

ROSARIO di domenica  2 luglio, meditazioni sui Misteri Gloriosi

 

OMELIA di domenica 2 luglio

 

Salita sulla collina del Podbrdo, lunedì 3 luglio

ROSARIO e meditazioni sui misteri della Gioia

 

 

OMELIA di lunedì 3 luglio

 

CATECHESI di lunedì 3 luglio – “Consacrazione a Maria”

 

Salita sul monte Krizevac, martedì 4 luglio

MEDITAZIONI lungo le stazioni della  VIA CRUCIS

 

OMELIA di martedì 4 luglio

 

OMELIA di mercoledì 5 luglio

 

 

 

Messaggio del 2 luglio 2017 a Mirjana

Cari figli, grazie perché rispondete alle mie chiamate e perché vi radunate qui attorno a me, la vostra Madre Celeste. So che pensate a me con amore e speranza. Anche io provo amore verso tutti voi, come ne prova anche il mio dilettissimo Figlio che, nel suo amore misericordioso, mi invia a voi sempre di nuovo. Lui, che era uomo, che era ed è Dio, uno e trino; lui, che ha sofferto a causa vostra sia nel corpo che nell’anima. Lui che si è fatto Pane per nutrire le vostre anime e così le salva. Figli miei, vi insegno come essere degni del suo amore, a rivolgere i vostri pensieri a lui, a vivere mio Figlio. Apostoli del mio amore, vi circondo col mio manto perché, come Madre, desidero proteggervi. Vi prego: pregate per il mondo intero. Il mio Cuore soffre. I peccati si moltiplicano, sono troppo numerosi. Ma con l’aiuto di voi - che siete umili, modesti, ricolmi d’amore, nascosti e santi - il mio Cuore trionferà. Amate mio Figlio al di sopra di tutto ed il mondo intero per mezzo di lui. Non dovete mai dimenticare che ogni vostro fratello porta in sé qualcosa di prezioso: l’anima. Perciò, figli miei, amate tutti coloro che non conoscono mio Figlio affinché, per mezzo della preghiera e dell’amore che viene dalla preghiera, diventino migliori; affinché la bontà possa trionfare in loro, affinché le loro anime si salvino ed abbiano la vita eterna. Apostoli miei, figli miei, mio Figlio vi ha detto di amarvi gli uni gli altri. Ciò sia scritto nei vostri cuori e, con la preghiera, cercate di vivere questo amore. Vi ringrazio.

Condividi con:
Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedintumblrmailby feather

In Pellegrinaggio…

“diretti al cuore di Dio”

Medugorje, 6-11 giugno 2016


ROSARIO sulla collina del Podbrdo
Meditazioni sui misteri della Gioia

VIA CRUCIS sul monte Krizevack
Meditazioni sulle 14 stazioni

OMELIE
sulle letture del giorno

CATECHESI 
“La crocifissione di Gesù”

 

Messaggio della Regina della Pace del 2 giugno 2016

"Cari figli, come Madre della Chiesa, come vostra Madre, sorrido guardandovi venire a me, radunarvi attorno a me e cercarmi. Le mie venute tra voi sono una prova di quanto il Cielo vi ama. Esse vi indicano la via verso la vita eterna, verso la salvezza. Apostoli miei, voi che cercate di avere un cuore puro e mio Figlio in esso, voi siete sulla buona strada. Voi che cercate mio Figlio, state cercando la buona strada. Egli ha lasciato molti segni del suo amore. Ha lasciato la speranza. È facile trovarlo, se siete disposti al sacrificio e alla penitenza, se avrete pazienza, misericordia ed amore per il vostro prossimo. Molti miei figli non vedono e non sentono, perché non vogliono farlo. Le mie parole e le mie opere non le accolgono, ma mio Figlio, attraverso di me, invita tutti. Il suo Spirito illumina tutti i miei figli nella luce del Padre Celeste, nella comunione tra Cielo e terra, nell’amore vicendevole; perché amore chiama amore e fa sì che le opere siano più importanti delle parole. Perciò, apostoli miei, pregate per la vostra Chiesa, amatela e fate opere d’amore. Per quanto sia tradita e ferita, essa è qui perché proviene dal Padre Celeste. Pregate per i vostri pastori, per vedere in essi la grandezza dell’amore di mio Figlio. Vi ringrazio.”

 

Regina della Pace

 


Condividi con:
Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedintumblrmailby feather

in pellegrinaggio…

“diretti al cuore di Dio”

Medugorje, 6-11 giugno 2016

 

mercoledì 8 giugno 2016
OMELIA sul vangelo di Matteo capitolo 5  vv.17-19
e sulla lettura dal primo Libro dei Re capitolo 18, vv.20-39

“…questo popolo sappia che tu, o Signore, sei Dio e che converti il loro cuore!”

Matteo  5, 17-19
«Non pensate che io sia venuto per abolire la legge o i profeti; io sono venuto non per abolire ma per portare a compimento. Poiché in verità vi dico: finché non siano passati il cielo e la terra, neppure un iota o un apice della legge passerà senza che tutto sia adempiuto. Chi dunque avrà violato uno di questi minimi comandamenti e avrà così insegnato agli uomini, sarà chiamato minimo nel regno dei cieli; ma chi li avrà messi in pratica e insegnati sarà chiamato grande nel regno dei cieli.»

 

venerdì 10 giugno 2016
 OMELIA  sul vangelo di Matteo capitolo 5  vv.27-32
e sulla lettura dal primo Libro dei Re capitolo 19,9a, vv.11-16

“ed ecco che il Signore passò…nel sussurro di una brezza leggera”

Matteo 5, 27-32 «Voi avete udito che fu detto: “Non commettere adulterio“. Ma io vi dico che chiunque guarda una donna per desiderarla, ha già commesso adulterio con lei nel suo cuore.  Se dunque il tuo occhio destro ti fa cadere in peccato, cavalo e gettalo via da te; poiché è meglio per te che uno dei tuoi membri perisca, piuttosto che vada nella geenna tutto il tuo corpo.  E se la tua mano destra ti fa cadere in peccato, tagliala e gettala via da te; poiché è meglio per te che uno dei tuoi membri perisca, piuttosto che vada nella geenna tutto il tuo corpo.
Fu detto: “Chiunque ripudia sua moglie le dia l’atto di ripudio“.  Ma io vi dico: chiunque manda via sua moglie, salvo che per motivo di fornicazione, la fa diventare adultera e chiunque sposa colei che è mandata via commette adulterio.»

 

sabato 11 giugno 2016, San Barnaba apostolo
20160611 omelia Loreto  sul vangelo di Matteo capitolo 10  vv. 7-13
e sulla lettura dagli Atti degli Apostoli capitolo 11, 21b-26,  13,1-3

“strada facendo, predicate, dicendo che il regno dei cieli è vicino”

Matteo 10,  7-13
«E strada facendo, predicate che il regno dei cieli è vicino.  Guarite gli infermi, risuscitate i morti, sanate i lebbrosi, cacciate i demòni. Gratuitamente avete ricevuto, gratuitamente date.  Non procuratevi oro, né argento, né moneta di rame nelle vostre cinture,  né bisaccia da viaggio, né due tuniche, né sandali, né bastone, perché l’operaio ha diritto al suo nutrimento.
In qualunque città o villaggio entriate, fatevi indicare se vi sia qualche persona degna, e lì rimanete fino alla vostra partenza. Entrando nella casa, rivolgetele il saluto. Se quella casa ne sarà degna, la vostra pace scenda sopra di essa; ma se non ne sarà degna, la vostra pace ritorni a voi.»

Medugorje, Adorazione


Condividi con:
Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedintumblrmailby feather

In pellegrinaggio…

“diretti al cuore di Dio”

Medugorje, 6-11 giugno 2016

giovedì 9 giugno 2016

Salita sul monte della Croce (Krizevack)
Meditazioni sulle stazioni della Via Crucis

stazione: Gesù è condannato a morte.

stazione: Gesù è caricato della croce.

stazione: Gesù cade la prima volta.

stazione: Gesù incontra sua madre.

IMG_4649

5°stazione: Gesù è aiutato da Simone di Cirene.

stazione: Gesù è asciugato in volto da Veronica.

IMG_4652
stazione: Gesù cade la seconda volta.

stazione: Gesù incontra le donne di Gerusalemme.

9°stazione: Gesù cade la terza volta.

IMG_4661

10°stazione: Gesù è spogliato delle vesti.


11
°stazione: Gesù è inchiodato sulla croce.

IMG_4666

12°stazione: Gesù muore sulla croce.

13°stazione: Gesù è deposto dalla croce.

14°stazione: Gesù è sepolto.

La Croce sulla sommità del monte Krizevack a Medugorje.

La Croce sulla sommità del monte Krizevack

Condividi con:
Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedintumblrmailby feather

in pellegrinaggio…

“diretti al cuore di Dio”

Medugorje, 6-11 giugno 2016

mercoledì 8 giugno 2016
CATECHESI  di padre Massimo – La crocifissione di Gesù
Vangelo Giovanni 19, 17-29
parte 1   (durata 25 minuti)
parte 2  (durata 20 minuti)


tutte le grazie vengono dalla croce di Gesù, che ha offerto la sua vita per noi

Crocifissione di Gesù
Crocifissione di Gesù

 

mercoledì 8 giugno 2016

TESTIMONIANZA di Mario Mijatovic, marito della veggente Vicka
durata 30 minuti circa

DSC_0890

 

Giovanni 19, 17-29
Presero dunque Gesù; ed egli, portando la sua croce, giunse al luogo detto del Teschio, che in ebraico si chiama Golgota, dove lo crocifissero, assieme ad altri due, uno di qua, l’altro di là, e Gesù nel mezzo.  Pilato fece pure un’iscrizione e la pose sulla croce. V’era scritto: GESÙ IL NAZARENO, IL RE DEI GIUDEI.  Molti Giudei lessero questa iscrizione, perché il luogo dove Gesù fu crocifisso era vicino alla città; e l’iscrizione era in ebraico, in latino e in greco.  Perciò i capi dei sacerdoti dei Giudei dicevano a Pilato: «Non lasciare scritto: “Il re dei Giudei”; ma che egli ha detto: “Io sono il re dei Giudei”». Pilato rispose: «Quello che ho scritto, ho scritto».
I soldati dunque, quando ebbero crocifisso Gesù, presero le sue vesti e ne fecero quattro parti, una parte per ciascun soldato. Presero anche la tunica, che era senza cuciture, tessuta per intero dall’alto in basso. Dissero dunque tra di loro: «Non stracciamola, ma tiriamo a sorte a chi tocchi»; affinché si adempisse la Scrittura che dice:
«Hanno spartito fra loro le mie vesti,
e hanno tirato a sorte la mia tunica
».

Questo fecero dunque i soldati.
Presso la croce di Gesù stavano sua madre e la sorella di sua madre, Maria di Cleopa, e Maria Maddalena.  Gesù dunque, vedendo sua madre e presso di lei il discepolo che egli amava, disse a sua madre: «Donna, ecco tuo figlio!» Poi disse al discepolo: «Ecco tua madre!» E da quel momento, il discepolo la prese in casa sua.
Dopo questo, Gesù, sapendo che ogni cosa era già compiuta, affinché si adempisse la Scrittura, disse: «Ho sete».  C’era lì un vaso pieno d’aceto; posta dunque una spugna, imbevuta d’aceto, in cima a un ramo d’issopo, l’accostarono alla sua bocca. Quando Gesù ebbe preso l’aceto, disse: «È compiuto!» E, chinato il capo, rese lo spirito.


Condividi con:
Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedintumblrmailby feather

In pellegrinaggio…

“…diretti al cuore di Dio”

Pellegrinaggio a Medugorje, 6-11 giugno 2016

martedì 7 giugno 2016

SANTO ROSARIO  sulla Collina del Podbrodo,
Meditazioni sui misteri della GIOIA

 Gioia 1

 

Gioia 2

 

Gioia 3

 

Gioia 4

 

Gioia 5

 

DSC_0893


Condividi con:
Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedintumblrmailby feather